Giulio Einaudi editore

Tre forme di architettura mancata

Tre forme di architettura mancata
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Tra omogeneità globalizzata e stramberia postmoderna, la schizofrenia dell'estetica contemporanea rischia seriamente di distruggere un'antichissima pratica artistica come l'architettura.

2010
Vele
pp. 128
€ 10,00
ISBN 9788806204198

Il libro

L’architettura gode di sempre maggiore importanza nelle nostre società globalizzate, al punto che alcuni architetti hanno ormai acquisito lo status di «archi-star» e i loro edifici sono considerati dei punti di riferimento per l’estetica contemporanea. Ma Vittorio Gregotti, da sempre capace di pensare in termini non solo disciplinari il percorso della contemporaneità, vede nell’apparente trionfo di un certo modo di fare architettura alcuni pericoli, sia per la pratica artistica di per se stessa, sia per i riflessi che essa ha sulla realtà del mondo in cui viviamo.
Questi pericoli discendono da tre rinunce, tre forme di architettura mancata: «la rinuncia al disegno di modificazione del presente come progetto di confronto critico con il contesto, la rinuncia alla capacità di vedere piccolo, con precisione, tra le cose, e la rinuncia alla durata dell’opera di architettura come metafora di eternità».
Un’analisi illuminante dei vizi dell’attività artistica nelle società contemporanee, e insieme il tentativo di indicare una base di valori intellettuali, pratici, artistici che non possono essere lasciati indietro nella corsa al cosiddetto progresso dell’era del postmoderno.

Altri libri diVittorio Gregotti
Altri libri diArchitettura