Giulio Einaudi editore

Razza e storia. Razza e cultura

Copertina del libro Razza e storia. Razza e cultura di Claude Lévi-Strauss
Razza e storia. Razza e cultura
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Scritti a distanza di circa vent'anni l'uno dall'altro, Razza e storia (1952) e Razza e cultura (1971) rappresentano una pietra miliare della riflessione antropologica e vanno considerati ancora oggi alla stregua di un piccolo manifesto antirazzista.

2002
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XVIII - 134
€ 16,00
ISBN 9788806128845
Prefazione a cura di

Il libro

Nel loro insieme i due saggi propongono gli aspetti inscindibili di una medesima riflessione: quella relativa ai mondi sommersi, e quella sul mondo che ci circonda. Illustrando tutta l’ambiguità di parole chiave quali senso del progresso, civiltà, differenza razziale, etnocentrismo, il grande antropologo francese denuncia la gratuità, ma anche la straordinaria forza di seduzione, dei pregiudizi e luoghi comuni che alimentano ogni idea di identità culturale e qualsiasi rapporto con il diverso-disuguale, riaffermando il legittimo diritto all’esistenza di qualsiasi cultura. Il relativismo culturale lévi-straussiano non considera infatti le civiltà come universi chiusi: «L’unica tara che possa affliggere un gruppo umano e impedirgli di realizzare in pieno la propria natura è quella di essere solo». Nell’introduzione alla presente edizione, Michel Izard ricostruisce la vicenda editoriale dei due celebri testi, e l’ampio dibattito politico e culturale da essi suscitato. In appendice, l’intervista rilasciata nel giugno 2000 a Marcello Massenzio, nel corso della quale Claude Lévi-Strauss ripercorre con nobile semplicità le tappe di una straordinaria awentura scientifica e intellettuale che ha attraversato buona parte del secolo appena concluso.

Altri libri diClaude Lévi-Strauss
Altri libri diAntropologia