Copertina

Sergio Luzzatto


Il corpo del duce

Un cadavere tra immaginazione, storia e memoria


1998
Saggi
pp. X - 246
€ 15,49
ISBN 9788806141707

Altre edizioni: Il corpo del duce. 2011. ET Saggi

Il libro

Il 29 aprile 1945, partigiani e popolo di Milano si danno appuntamento in Piazzale Loreto per celebrare la morte del duce. Impiccato per i piedi, il cadavere di Mussolini appare un simbolo della Resistenza vittoriosa. Ma quel corpo straziato incarna anche l'orrore della guerra civile: racconta una storia difficilmente proponibile come mito di fondazione dell'Italia nuova. In che modo commemorare l'uccisione del duce senza evocare la sorte del suo cadavere? E che cosa pensare della folla plaudente? Quanto i milanesi di piazzale Loreto somigliano ai romani di piazza Venezia, quanto l'Italia del crucifige all'Italia dell'osanna?Da morto, "l'uomo della Provvidenza" rimane un personaggio ingombrante: perché troppi italiani lo hanno adorato da vivo. Nel 1946, i neofascisti trafugano il cadavere; dopo averlo ritrovato, i democristiani lo nascondono per undici anni in un luogo segreto; soltanto nel '57 si arriva alla controversa tumulazione di Predappio.Trattando il corpo di Mussolini come un ostaggio,la nenonata Repubblica vuole evitare che il sepolcro del duce diventi luogo della memoria. L'assenza del cadavere libera invece l'immaginario degli italiani: oltre alla vena di oscuri libellisti nostalgici, pungola la fantasia di scrittori laureati. Ma il lavorio dell'immaginazione coincide con un travaglio della memoria, se non con un esame di coscienza. Intorno al corpo del duce si elaborano due discorsi speculari e concorrenti sul fascismo e sulla guerra civile: l'uno laicamente impietoso con i carnefici d'Italia, l'altro cristianamente incline al perdono del dittatore e dei suoi numerosi seguaci.Ricostruendo la vita d'oltretomba di Mussolini, Sergio Luzzatto propone un'interpretazione originale della cultura politica repubblicana, divisa tra intransigenza e indulgenza, radicalismo e trasformismo, dovere della memeoria e arte dell'oblio.

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento

Altri libri di Storia contemporanea


 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG