Copertina

William Faulkner


Zanzare


2014
Letture Einaudi
pp. XXIV - 384
€ 22,00
ISBN 9788806208271

Contributi di William Spratling
A cura di Massimo Bacigalupo
Traduzione di Giulio De Angelis

«Disse che se le spalline del mio vestito si fossero rotte avrei devastato il paese».

Altre edizioni: Zanzare. 2001. ET Scrittori

Il libro

New Orleans, un'estate degli anni Venti. Un gruppo di artisti, intellettuali e giovani vari è imbarcato sul panfilo di una ricca mecenate. Durante quattro giorni di crociera sul lago, scanditi dagli attacchi di zanzare, ciascuno persegue le sue fissazioni: alcol, sesso, teorie sull'arte, critica letteraria. Con questo suo secondo romanzo, del 1927, Faulkner scrive la sua opera comico-erotica guardando soprattutto all'Ulisse di Joyce uscito pochi anni prima, a cui fa più volte riferimento. Ma il mondo rappresentato è quello di Fitzgerald, del proibizionismo, delle flappers, le ragazzine con i capelli alla maschietta che seducono molto più di quanto svogliatamente concedono. Un libro divertente, con personaggi quasi caricaturali e gag da slapstick, ma spietato. Alla fine ci si domanda se le fastidiose zanzare del titolo siano per Faulkner gli insetti o gli umani.

***

Zanzare si presenta come il romanzo di Ernest Talliaferro (pronunzia «Tolliver») che dalla prima pagina all'ultima persegue la sua infelice caccia alla donna, stendendo per il sollazzo di Fairchild e del lettore piani di battaglia che vengono inevitabilmente vanificati. Ricordiamo il diffidente Prufrock di Eliot, ma anche il Polonio digressivo e untuoso dell'Amleto e il Malvolio incoraggiato a sorridere alla sua padrona Olivia in La dodicesima notte. Faulkner sfrutta tutto il repertorio del comico, come fa nella serie dei tall tales, cioè di enormità alla Rabelais o alla Münchhausen, dedicate al «piscicoltore» Al Jackson, che propriamente rientrano nella tradizione dell'umorismo western americano, il cui maggiore esponente fu Mark Twain.

Dalla prefazione di Massimo Bacigalupo

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento
 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG