Copertina

Roman Vlad


Vivere la musica

Un racconto autobiografico


2011
Super ET
pp. VI - 239
€ 14,00
ISBN 9788806209506

A cura di Vittorio Bonolis
A cura di Silvia Cappellini

«Il potere della musica è di un'estensione enorme. La musica può evocare le onde del mare, il fruscio del fogliame, il sibilare del vento, i sentimenti o può anche servire semplicemente per regolare la vita in caserma. Però, quando è veramente nel suo regno, non può piú essere riferita a niente, né a delle parole, né a delle immagini: la musica è sempre stata necessaria».
Roman Vlad

Altre edizioni: Vivere la musica. 2011. eBook

Il libro

Il racconto di una vita di eccezione: la musica come educazione sentimentale.
Compositore prolifico e versatile, pianista e musicologo, uomo di profonda e vasta cultura, Roman Vlad per la prima volta apre lo scrigno della sua memoria per restituirci le vicende della sua lunga e avventurosa esistenza che abbraccia quasi un secolo della nostra Storia: i fatti, gli affetti, gli eventi, gli incontri - da Alfredo Casella a Igor Stravinskij a Riccardo Muti -, ma anche l'estenuante fatica che precede ogni sua felice ispirazione. Pagina dopo pagina, dall'infanzia in Romania agli studi nella Roma fascista, ai grandi successi ottenuti in tutto il mondo, Vlad riordina, con sapienza e ironia, gli infiniti ricordi della sua vita piena, interamente dedicata al miracolo della musica, e ci regala un vivido spaccato del Novecento culturale.

«Sono immerso nella musica da quando ho memoria di me.
I miei primi ricordi musicali risalgono alla primissima infanzia, quando vivevo a Vascauti con i miei genitori nella grande casa di campagna di proprieta dei nonni materni. Vascauti, o Waschkoutz in tedesco, era un piccolo centro a circa 40 km da Czernowitz, antica capitale del ducato di Bucovina, dove sono nato il 29 dicembre 1919. In casa si faceva e si ascoltava molta musica; mio padre, magistrato, amava moltissimo l'opera lirica italiana, specie l'Aida. Avevamo il pianoforte, il grammofono e tanti dischi. Certo, non c'era la radio e tanto meno la televisione, si era ai primi anni del 1900!
Mia madre, come tutte le ragazze della buona società di una volta, aveva ricevuto un'educazione adeguata, suonava il pianoforte, era bella e vivacissima e mi aveva insegnato a nuotare, a giocare a tennis e ad andare a cavallo. Io ero affascinato dai suoni, catturato dalla loro magia, li cercavo e toccavo gli strumenti musicali che avevamo in casa».

***

«Ci si potrebbe studiare la storia della musica del '900 su questo libro di Roman Vlad, uno degli ultimi testimoni del secolo scorso. Vivere la musica, la sua autobiografia scritta con l'aiuto di Vittorio Bonolis e Silvia Cappellini, è un viaggio nella cultura novecentesca senza alcuna pretesa saggistica e fa piuttosto leva sulla spontaneità del racconto».

Federico Capitoni, «la Repubblica»

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG