Copertina

Enzo Bianchi


Spezzare il pane

Gesù a tavola e la sapienza del vivere


2015
Frontiere
pp. 120
€ 17,00
ISBN 9788806229665

Quando il cibo non è soltanto nutrimento, ma rappresenta qualcosa di piú - cultura, amicizia, comunione, arte e amore - allora cucinare per l'ospite, il familiare o l'amico, scegliere per lui gli ingredienti e disporli con cura, diventa un modo, pieno e fecondo, per dirgli: «Ti voglio bene».

Altre edizioni: Spezzare il pane. 2015. eBook

Il libro

Il cibo è tutto ciò che si mangia e che serve per nutrire e per mantenere in vita un essere vivente: uomini, animali, piante. Il cibo è dono: della madre che ci nutre nell'utero e ci offre il seno, della nutrice che ci svezza. Poi, crescendo, l'uomo impara a procurarselo e a cucinarlo da solo. Ma il cibo è anche molto di piú: è il gesto sociale per eccellenza, il gesto della comunità nel suo ritrovarsi, nel fare memoria e fare festa. La tavola è il luogo, a volte silenzioso, a volte rumoroso, di comunicazione, scambio, comunione. Gioia. Ecco cos'è il cibo: nutrimento per la convivialità. Mangiare è molto piú che nutrirsi, cosí come bere è molto piú che dissetarsi, e l'arte del vivere, la sapienza del vivere, può essere simboleggiata dall'arte del mangiare e del bere. E se mangiare è un'azione al contempo naturale e culturale, l'azione del nutrirsi viene ad assumere un valore simbolico e un carattere sacro. Mangiare ritma il tempo, la giornata, la settimana. Di piú, mangiare celebra il tempo: la nascita, l'entrata nell'età adulta, l'epifania delle storie d'amore, la morte. Tra le tante rivoluzioni fatte da Gesú, ci dice Enzo Bianchi, c'è anche quella di aver rivoluzionato il modo di concepire il cibo. Anche a tavola Gesú ci ha insegnato a vivere in questo mondo e ci ha raccontato storie e parabole che parlano di cibo e tavola. Nella Bibbia la pienezza della vita è spesso espressa con il racconto di un banchetto, ricco o povero, comunque sempre condiviso. Gesú amava la tavola come luogo di incontro con gli uomini e con le donne, amava la tavola come occasione di lode, benedizione e ringraziamento a Dio. E soprattutto amava la tavola come promessa di vita e di pace per tutti. C'è un insegnamento di Gesú a tavola che dobbiamo conoscere per scoprire, o riscoprire, la sapienza e la gioia del vivere e del convivere. E per diventare piú umani.

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento
 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG

APPUNTAMENTIAPPUNTAMENTI


30 Settembre 2016

Torino (TO). TORINO SPIRITUALITÀ - L'autore, in dialogo con Grado Giovanni Merlo, partecipa all'incontro FRANCESCO. IL SANTO DEGLI UOMINI E DEGLI ANIMALI presso Aula Magna della Cavallerizza Reale (via Giuseppe Verdi, 9), alle ore 21.00. Interviene Marco Ventura. Per informazioni: www.torinospiritualita.org

01 Ottobre 2016

Torino (TO). TORINO SPIRITUALITÀ - L'autore tiene l'incontro INTERROGA PURE GLI ANIMALI: TROVARE DIO NELLA CREAZIONE. presso il Teatro Carignano (piazza Carignano 6), alle ore 10.00. Per informazioni: www.torinospiritualita.org