Copertina

Alberto Asor Rosa


Scrittori e popolo 1965. Scrittori e massa 2015


2015
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. VIII - 432
€ 32,00
ISBN 9788806225971

Indice
Chiudi

Indice
Cinquant'anni. - Scrittori e popolo. Introduzione. Prefazione alla seconda edizione. Parte prima: Il populismo nella letteratura italiana contemporanea. Le premesse: da Gioberti a Oriani. Dalla prima alla seconda guerra mondiale: interventismo, fascismo, antifascismo. La Resistenza e il gramscianesimo: apogeo e crisi del populismo. Parte seconda: La crisi del populismo. Cassola. Pasolini - Scrittori e massa. Saggio sulla letteratura italiana postmoderna. - Indice dei nomi.



Rimanendo fedele a un metodo critico sempre attento all'individuazione di temi, linguaggi e forme, Asor Rosa isola ciò che non c'è piú e ciò che è profondamente mutato, rintracciandolo nelle narrazioni di quegli scrittori che ancora vogliono e sanno raccontare il disagio del nostro tempo senza storia e identità.

Il libro

In Scrittori e popolo Asor Rosa ricostruiva il quadro storico dello sviluppo del tema populista nella letteratura italiana del Novecento, demistificando alcuni dei «luoghi comuni» di quella cultura, riassumibili nella valorizzazione mitica del «popolo» da un punto di vista piccolo-borghese, una peculiarità dei gruppi intellettuali italiani ereditata dall'Ottocento. Oggi molti aspetti delle vecchie stratificazioni sociali sono andati perduti, le élite intellettuali hanno perso il loro ruolo egemonico e al «popolo» si è sostituita la «massa». Sono di conseguenza cambiate le strutture primarie del sapere, della conoscenza e della creazione artistica e letteraria. L'ampia generazione di scrittori nati dopo il 1960 ha per lo piú smesso di dialogare con la tradizione, rinchiudendosi in un atomismo individualistico. A questo paesaggio magmatico, l'autore cerca di dare ordine ed espressione in Scrittori e massa. Rimanendo fedele a un metodo critico sempre attento all'individuazione di temi, linguaggi e forme, Asor Rosa isola ciò che non c'è piú e ciò che è profondamente mutato, rintracciandolo nelle narrazioni di quegli scrittori che ancora vogliono e sanno raccontare il disagio del nostro tempo senza storia e identità.

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento
 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG