Copertina

Alain Ehrenberg


La fatica di essere se stessi

Depressione e società


2010
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. 322
€ 24,00
ISBN 9788806204822

Indice
Chiudi

Indice
Introduzione: L'individuo sovrano o il ritorno della nervosità.

Parte prima: Un soggetto malato.
I. Genesi della creatura psichica.
II. Elettroshock: tecnica, umore e depressione.
III. La socializzazione di una patologia indefinibile.

Parte seconda: Il crepuscolo della nevrosi.
IV. Il fronte psicologico: la colpa senza ingiunzioni.
V. Il fronte medico: il nuovo corso dell'umore depressivo.

Parte terza: L'individuo insufficiente.
VI. La «panne» depressiva.
VII. Il soggetto incerto della depressione e l'individuo di fine secolo.

Conclusione: Il peso del possibile.



Prefazione di Eugenio Borgna
Redazione: Davide Tarizzo
Traduzione di Sergio Arecco

Negli anni Quaranta la depressione non era che una sindrome associata a molte malattie mentali. Negli anni Settanta la psichiatria dimostrò che si trattava del disturbo mentale piú diffuso nel mondo. In anni piú recenti essa ha raggiunto una diffusione tale che la si ritiene responsabile della maggior parte delle difficoltà che incontriamo nella vita quotidiana: stanchezza, inibizione, insonnia, ansia, sarebbero tutte causate da questa «malattia». Perché la depressione ha un tale «successo»? Perché si è imposta come il principale disturbo della nostra interiorità? E in che misura ci rivela i mutamenti dell'individualità alla fine del xx secolo?

Altre edizioni: La fatica di essere se stessi. 1999. Biblioteca Einaudi

Il libro

La fatica di essere se stessi cerca una risposta a queste domande. Incrociando le problematiche del sapere medico con l'analisi degli stili di vita, Ehrenberg suggerisce che la depressione è intrinseca, strettamente legata a una società come quella contemporanea, dove le norme della convivenza civile non sono piú fondate sui concetti di colpevolezza e disciplina, ma sulla responsabilità e sullo spirito d'iniziativa. In un contesto in cui l'individuo è schiacciato dalla necessità di mostrarsi sempre all'altezza, la depressione non è che la contropartita delle grandi riserve di energia che ciascuno di noi deve spendere per diventare se stesso. Combinando efficacemente il metodo di indagine sociologica con una profonda conoscenza dell'evoluzione della psicoanalisi e della psichiatria, nonché della storia della ricerca farmacologica, Ehrenberg ha scritto un libro autorevole, anticonformista e provocatorio.

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento

Altri libri di Sociologia


 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG