Giulio Einaudi editore

Pio XI, Hitler e Mussolini

La solitudine di un papa
Copertina del libro Pio XI, Hitler e Mussolini di Emma Fattorini
Pio XI, Hitler e Mussolini
La solitudine di un papa
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Il Vaticano contro il nazifascismo alla vigilia del secondo conflitto mondiale. Un papa stanco che guarda al precipitare della crisi, meditando di intervenire contro i nuovi nemici della cristianità.

2007
Einaudi Storia
pp. XXX - 282
€ 22,00
ISBN 9788806187590

Il libro

Pio XI muore il 10 febbraio 1939, subito dopo avere ultimato il discorso che avrebbe voluto tenere ai vescovi per il decennale dei Patti Lateranensi. Un testo durissimo contro il nazismo e il fascismo, scritto in solitudine. Un discorso che Mussolini temeva e che il pontefice non arriverà mai a pronunciare. È in questa immagine il senso del libro di Emma Fattorini, che attraverso un’ampia documentazione inedita dell’Archivio Segreto Vaticano contribuisce a riscrivere una pagina fondamentale della storia del Novecento. È un pontefice che rilegge gli anni Trenta come «conflitto di civiltà», maturando la convinzione che la crisi possa essere risolta solo tornando alle radici cristiane dell’Occidente. Ed è un papa che difende strenuamente gli ebrei, a differenza di altri esponenti anche di vertice della Chiesa, perché guarda alla convinzione teologica che cristiani ed ebrei nascano da un’origine comune. «Spiritualmente siamo tutti semiti». Cosí scriveva Pio XI negli ultimi anni della sua vita, mentre ripensava le scelte del mondo e si convinceva che il totalitarismo nazista e fascista potesse essere fermato dal Vaticano.

Negli ultimi anni della sua vita, Pio XI manifesta un acuto e crescente rifiuto dei totalitarismi. Dalla fine del 1936 fino alla sua morte, avvenuta il 10 febbraio 1939, si radicalizza la sua condanna per gli aspetti «anticristiani» e «disumani» del nazismo e del fascismo: le discriminazioni su base razziale, l’esasperazione dei nazionalismi, la persecuzione degli ebrei, diventano per l’anziano e malato pontefice assolutamente inaccettabili. Un’intolleranza vissuta largamente in solitudine. Alla luce della nuova documentazione emersa dall’Archivio Segreto Vaticano, le voci su un Pio XI che negli ultimi anni della sua vita, quasi isolato nella curia, è sempre piú solo nella sua intransigenza verso il nazismo, e sul senso di sollievo che si sarebbe respirato alla sua morte, perdono i contorni leggendari per diventare una nuova, solida, pagina della storia contemporanea e della storia della Chiesa.

Altri libri diStoria contemporanea