Giulio Einaudi editore

Padre Pio

Miracoli e politica nell'Italia del Novecento
Copertina del libro Padre Pio di Sergio Luzzatto
Padre Pio
Miracoli e politica nell'Italia del Novecento
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un'icona del Novecento. Il santo piú venerato dagli italiani. il simbolo di un paese sospeso tra arcaismo e modernità.

2007
Einaudi Storia
pp. X - 430
€ 24,00
ISBN 9788806185718

Il libro

Credevamo di sapere già tutto su padre Pio, onnipresente nella realtà come nell’immaginario dell’Italia contemporanea. E invece, a ben guardare, non sapevamo quasi niente. Prima della ricerca di Sergio Luzzatto, la figura del cappuccino con le stigmate era vincolata soltanto alla fede degli uni, all’incredulità degli altri. Un santo vivo, addirittura un «altro Cristo» per gli innumerevoli suoi devoti. Un uomo ambiguo, addirittura un personaggio losco per gli altrettanto numerosi suoi detrattori. Adesso, grazie al monumentale lavoro di scavo archivistico su cui si fonda questo libro, padre Pio viene finalmente consegnato alla storia del ventesimo secolo. Un’avventurosa storia di frati e soldati, pontefici e gerarchi, beghine e spie. Soprattutto, una storia istruttiva. Perché fra crismi e carismi, miracoli e politica, quella che Luzzatto racconta con mestiere e con brio è una parabola sull’Italia novecentesca.

Fu il 20 settembre 1918, in uno sperduto convento del Gargano, che padre Pio da Pietrelcina vide iscriversi sul proprio corpo le cinque piaghe di Gesú. Non era un momento qualunque nella storia d’Italia. Alla carneficina della Grande Guerra si era aggiunta l’ecatombe dell’influenza spagnola. Perciò, il «crocifisso vivo» venne investito da una smisurata offerta di preghiera e da un’accorata domanda di grazia. Ma suscitò anche una sorda diffidenza e un’aperta resistenza. La diffidenza dell’Italia laica, nell’infuocato clima politico del «biennio rosso». La resistenza del Vaticano, ostile alle forme piú spinte di religiosità carismatica. Cosí, fin dagli anni Venti la storia di padre Pio si intrecciò strettamente con la storia della Chiesa e con la storia d’Italia. Denigrato dal frate-medico Agostino Gemelli, e quasi perseguitato dai presuli del Sant’Uffizio, il cappuccino con le stigmate trovò potenti difensori all’interno del Partito nazionale fascista. Seguirono decenni di vicende gravi e perfino rocambolesche, tra conversioni e ritorsioni, pellegrinaggi e sciacallaggi, congiure ed abiure, finché l’avvento al soglio pontificio di Pio XII non permise il pieno dispiegarsi del culto garganico. Ma neppure allora la storia poté dirsi finita. Giovanni XXIII scatenò contro padre Pio un’ultima offensiva, prima che il papa polacco ne riconoscesse le virtú e lo elevasse agli altari.

Altri libri diSergio Luzzatto
Altri libri diReligione