Giulio Einaudi editore

Le donne di Ravensbrück

Testimonianze di deportate politiche italiane
Copertina del libro Le donne di Ravensbrück di Lidia Beccaria Rolfi, Anna Maria Bruzzone
Le donne di Ravensbrück
Testimonianze di deportate politiche italiane
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Le deportate erano, nel migliore dei casi, estenuati animali da lavoro e, nel peggiore, effimeri "pezzi d'immondizia". Ce lo confermano le pochissime a cui la forza, l'intelligenza e la fortuna hanno concesso di portare testimonianza».

Primo Levi

2003
ET Saggi
pp. VII - 285
€ 11,80
ISBN 9788806164942

Il libro

A Ravensbrück, campo di concentramento destinato, almeno nominalmente, alla rieducazione delle prigioniere (testimoni di Geova, zingare, antinaziste di vari paesi) e via via trasformato in campo di sterminio, morirono novantaduemila donne. La cifra è approssimativa. Lidia Beccaria Rolfi (che là fu deportata e sopravvisse) e Anna Maria Bruzzone hanno raccolto le testimonianze di alcune prigioniere in un libro che è bene non dimenticare. Lidia Beccaria Rolfi, Bianca Paganini Mori, Livia Borsi e le due sorelle Lina e Nella Baroncini raccontano la loro esperienza di deportate, coperte di stracci, divorate dai pidocchi, piagate dall’avitaminosi, sfinite dalla denutrizione, dalle botte, dai bestiali turni di lavoro, sporche, lacere, senza denti. Eppure la loro opera corale è un’esortazione alla speranza perché sostenuta dalla fiducia che «saremo in tanti a capire e a resistere».

Altri libri diStoria contemporanea