Giulio Einaudi editore

Le altre Gladio

La lotta segreta anticomunista in Italia. 1943-1991
Le altre Gladio
La lotta segreta anticomunista in Italia. 1943-1991
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un'innovativa analisi storiografica sulle oscure vicende delle organizzazioni segrete anticomuniste in Italia.

Diverso tempo è passato da quando Giulio Andreotti, in qualità di Presidente del Consiglio, svelò l'esistenza di un'organizzazione segreta denominata Gladio. Ma Gladio, nata nel 1956, non era che una parte di un sistema di sicurezza ben piú complesso, articolato e oscuro, una rete anticomunista che operava fin dall'estate del 1945. Qual è la storia di questo sistema? Quali sono le sue origini? Che ruolo ebbe questa rete segreta nei tragici anni della strategia della tensione? E quali furono le reali motivazioni che spinsero Andreotti a rivelare l'esistenza di Gladio? Giacomo Pacini risponde a queste e ad altre domande, in un volume rigoroso nell'esame delle fonti e misurato nella scrittura.

2014
Einaudi Storia
pp. 336
€ 31,00
ISBN 9788806213831

Il libro

Il 18 ottobre 1990 Giulio Andreotti, confermando i sospetti che circolavano da tempo, ammise per la prima volta davanti alla Commissione Stragi l’esistenza di un’organizzazione segreta chiamata Gladio, la cosiddetta Stay Behind italiana. Le parole di Andreotti ebbero un’eco fragorosa nell’opinione pubblica. Per mesi la vicenda di Gladio riempì le pagine dei giornali alimentando innumerevoli dibattiti e veementi scontri politici che culminarono in una richiesta di impeachment contro l’allora presidente della Repubblica Francesco Cossiga. Ma Gladio, nata nel 1956, era solo una porzione di un sistema di sicurezza ben piú complesso e articolato, una rete anticomunista che operava fin dall’estate del 1945. Oggi, a distanza d’anni dalla rivelazione dell’esistenza della struttura e dalla definitiva archiviazione delle inchieste che coinvolsero alcuni dei suoi membri, l’esaurirsi della polemica politica rende possibile una riflessione ponderata sul caso Gladio, la cui vicenda non può essere letta in un’ottica esclusivamente giudiziaria e senza tener conto del contesto storico e politico nel quale quell’organizzazione venne creata. Giacomo Pacini, a partire dall’analisi di un’enorme mole di documenti in gran parte inediti, ricostruisce con estremo rigore la storia delle strutture paramilitari segrete che hanno operato in Italia dalla fine della Seconda guerra mondiale agli anni Novanta del Novecento. Ed è una storia finora mai raccontata, che attraversa alcune delle pagine più oscure della nostra biografia nazionale.