Giulio Einaudi editore

Il mondo islamico

Una storia per oggetti
Il mondo islamico
Una storia per oggetti
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Questo libro offre un nuovo approccio alla storia del mondo islamico dalle origini ai giorni nostri. Il volume, diviso in sei capitoli disposti cronologicamente, fornisce una visione illuminante della cultura materiale prodotta dall'Africa occidentale al Sudest asiatico attraverso arte e manufatti, popoli e luoghi.

2019
Saggi
pp. 272
€ 38,00
ISBN 9788806242787
Contributi di

Il libro

Dalle opere pre-islamiche ai capolavori creati durante i grandi imperi, fino agli oggetti realizzati ancora oggi, questa vasta indagine traccia l’evoluzione di diverse civiltà all’avanguardia per le loro idee filosofiche e scientifiche e la loro produzione artistica e letteraria, analizzando una grande quantità di tesori culturali. L’ampio spettro dei temi trattati è arricchito da splendide riproduzioni di oggetti artistici o d’uso quotidiano, tra i quali ceramiche, gioielli, metalli lavorati, calligrafie, abiti, strumenti scientifici e musicali, monete, manoscritti illustrati. Un tesoro di raffinati prodotti della cultura materiale che getta nuova luce sul mondo islamico passato e attuale, permettendo una visione globale sui popoli e le società accomunate dalla piú influente religione del mondo.

«Nella sua caleidoscopica diversità il mondo islamico, piuttosto che come una regione, è forse meglio descritto come un’idea, di quelle che sfuggono a una facile spiegazione. Noi speriamo e ci auguriamo che questo libro porti a un numero di domande maggiore rispetto a quello delle risposte che abbiamo cercato di fornire. Quantomeno, la selezione e l’analisi delle opere presentate in questo volume mirano a far luce sulle popolazioni e sulle culture che esse rappresentano, come si allude in un verso arabo del calligrafo iraniano Dust Muhammad, incluso nella sua prefazione di un album assemblato a Tabriz per il principe safavide Bahram Mirza (m. 1549): “Le nostre opere parlano di noi: contempla, dopo di noi, le nostre opere”».