Giulio Einaudi editore
Copertina del libro Wagner di Theodor W. Adorno
Wagner
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Adorno affina qui il suo metodo di analisi filosofico-sociologica «dall'interno» delle opere stesse, deducendo dai dati intrinseci della composizione - timbro, melodia, armonia, forma - i parametri di giudizio estetico-storico sull'autore.

2014
eBook
pp. 200
€ 9,99
ISBN 9788858410035

Il libro

Pubblicato nel 1952, il saggio su Wagner fu scritto da Adorno nel 1937-1938, e nonostante i ritocchi apportati al testo nella stesura definitiva, esso rimane sostanzialmente legato all’evoluzione del suo pensiero intorno alla fine degli anni Trenta: gli anni del Carattere di feticcio della musica e la regressione dell’ascolto, gli anni del saggio Schoenberg e il progresso, pubblicato poi nella Filosofia della nuova musica con il necessario completamento stravinskiano. Si tratta insomma del periodo aureo del lavoro critico-filosofico di Adorno, e il saggio wagneriano è una testimonianza non meno significativa degli scritti piú noti della stessa epoca: di là da ogni apparente e paradossale provocatorietà dell’impostazione, Adorno affina qui il suo metodo di analisi filosofico-sociologica «dall’interno» delle opere stesse, deducendo dai dati intrinseci della composizione – timbro, melodia, armonia, forma – i parametri di giudizio estetico-storico sull’autore. Il saggio, da molti anni esaurito sul mercato italiano, viene qui riproposto nella nuova traduzione di Mario Bortolotto, già curatore della prima edizione einaudiana.

Altri libri diTheodor W. Adorno