Giulio Einaudi editore

Più lontano ancora

Più lontano ancora
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

A volte sembra che le isole servano soprattutto a custodire il nostro sogno di solitudine. Quando però le raggiungiamo capiamo anche un'altra cosa: che dalle isole bisogna fare ritorno alla terraferma e lasciarsi alle spalle la rabbia, il dolore, la perdita che ci hanno condotti fin lí. È proprio quello che ha fatto Jonathan Franzen nel suo viaggio su uno sperduto isolotto del Pacifico meridionale: insieme a lui solo una copia di Robinson Crusoe e le ceneri dell'amico David Foster Wallace.
Le ventuno meditazioni di questo libro affrontano una moltitudine di temi eppure tutte tentano di rispondere in maniera sincera e appassionata allo stesso problema: come rimanere umani.

2012
Frontiere
pp. 312
€ 19,50
ISBN 9788806213244
Traduzione di

Il libro

Nel Pacifico meridionale, a ottocento chilometri dalla costa del Cile, c’è un’isola vulcanica dalle inaccessibili pareti verticali, lunga undici chilometri e larga poco piú di sei, popolata da milioni di uccelli marini e da nessun essere umano. Si chiama Masafuera, «piú lontana».
Spinto da quell’inquietudine che solo certi viaggi riescono a placare, Jonathan Franzen, qualche mese dopo l’uscita di Libertà, decide di raggiungere Masafuera e trascorrervi alcuni giorni. Insieme a lui soltanto una tenda, un GPS presto inutile, una copia di Robinson Crusoe e le ceneri di un amico morto suicida. Nella solitudine – non priva di avventurose e quasi mortali complicazioni – Franzen farà i conti con ciò che lega l’isolamento e il romanzo (il genere che insegna «come stare soli»), la modernità tecnologica con la sua valanga di stimoli superflui e la noia quale passaggio indispensabile per trovare se stessi. Ma farà anche i conti con il lutto, la perdita e la necessità, dolorosa, di parlare con i propri fantasmi: «la mia attuale fuga da me stesso era cominciata poco dopo la morte di David Foster Wallace, due anni prima. All’epoca avevo deciso di non affrontare l’orribile suicidio di una persona che amavo tanto, e avevo preferito rifugiarmi nella rabbia e nel lavoro».
Sia che raccontino di animali in pericolo e della minaccia che l’umanità rappresenta per la loro sopravvivenza, di come cellulari, Internet e social network trasformino i rapporti interpersonali, di amici (non c’è solo l’ombra di Wallace tra queste pagine) o di maestri (Alice Munro o Paula Fox, ad esempio), le ventuno riflessioni che compongono Piú lontano ancora, non importa se in forma di saggio, ricordo autobiografico o reportage, affrontano tutte lo stesso problema di fondo: come rimanere umani.

***

«Un libro per lettori interessati non solo a come si scrive, ma anche a come si vive».

«London Evening Standard»

***

«Una raccolta illuminante: Piú lontano ancora conduce il lettore “piú vicino ancora” al suo autore».

«The Economist»

Altri libri diJonathan Franzen