Giulio Einaudi editore

Il cacciatore di occhi

Il cacciatore di occhi
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Nei miei libri gli eventi si susseguono senza sosta, portano il lettore di fronte a una porta che non può non aprire. Gioco con i delitti della mente, proietto le follie, le paure, le angosce del passato».

Sebastian Fitzek, «La Repubblica»

***

Dal maestro tedesco dello psicothriller, campione di incassi nel suo paese e oggetto di un autentico culto, un romanzo agghiacciante, nel quale niente è quel che sembra, e la soluzione piú semplice è sempre quella sbagliata.

2012
Stile Libero Big
pp. 384
€ 19,00
ISBN 9788806212858
Traduzione di

Il libro

Frank Lahmann e Zarin Suker hanno molto in comune: sono due psicopatici, crudeli, spinti da un desiderio di morte e vendetta che affonda le sue radici malate nella loro infanzia. E, per diverse ragioni, sono ossessionati dagli occhi delle loro vittime. Alina Gregoriev, una fisioterapista cieca, ha il compito di trovare le prove per incastrare Suker, interrompendone la catena di violenze. Alexander Zorbach deve trovare a ogni costo il serial killer Lahmann, che ha ucciso sua moglie e gli ha rapito il figlio. Ma l’uomo, che la stampa ha ribattezzato il «Collezionista di occhi», sembra conoscerne in anticipo le mosse, e si diverte a giocare con lui come il gatto col topo. Alina e Alexander hanno già lavorato insieme, e insieme hanno scoperto che dietro i delitti del Collezionista c’era Lahmann. Ma ora sono presi tra due fronti, e con il crescente sospetto che i loro nemici, ben lungi dall’essere ignari uno dell’altro, agiscano seguendo un unico, folle disegno.

***

«Un romanzo che non dà tregua. Una volta preso in mano, non si smette piú. Da raccomandare assolutamente a tutti».

«Allgemeine Zeitung»

***

«Un ottovolante per i nervi. Un thriller davvero eccellente».

«L’Express»

***

«Mio dio, che libro! Dopo 400 pagine si prende fiato e si vorrebbe leggere subito il seguito, che Fitzek non esclude».

«Ruhr Nachrichten»

***

«Fitzek porta all’estremo la nostra idea di dolore».

«Westdeutsche Allgemeine Zeitung»

Altri libri diSebastian Fitzek