Giulio Einaudi editore

Il perdente radicale

Copertina del libro Il perdente radicale di Hans Magnus Enzensberger
Il perdente radicale
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Distruzione e autodistruzione. Il perdente radicale ha mille volti. È qui. È il padre che stermina la famiglia. È stato il soldato nazista. È il kamikaze islamista che progetta il suicidio di un'intera civiltà.

2007
Vele
pp. 74
€ 8,00
ISBN 9788806185558
Traduzione di

Il libro

Con la forza intellettuale e l’acume che lo hanno reso celebre, Enzensberger disegna il profilo del perdente radicale di ogni tempo. Ieri il combattente nazista, oggi il terrorista islamico. Colui che ha resuscitato la tradizione del nichilismo autolesionista, amalgamando istanze religiose, politiche e sociali in una strategia di distruzione a vasto raggio. Contro l’America, contro il capitale internazionale, contro il sionismo, contro gli infedeli. Perché il perdente radicale non conosce la soluzione del conflitto, il compromesso. E quanto piú è assurdo il suo progetto, tanto piú fanaticamente lo persegue. Come era accaduto con Hitler, il suo vero obiettivo non è la vittoria ma lo sterminio, non è il controllo ma il dissolvimento, non è la vita ma il suicidio collettivo e la fine con orrore. Convinto della propria superiorità e animato da cieco vittimismo, l’islamista chiede a gran voce rispetto per sé senza riconoscerlo agli altri. Riservando solo alla propria minoranza di eletti la salvezza da un mondo che condanna alla morte.

Altri libri diPolitica