Giulio Einaudi editore

Antisemitismo e sionismo

Una discussione
Copertina del libro Antisemitismo e sionismo di Abraham B. Yehoshua
Antisemitismo e sionismo
Una discussione
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Esiste un'unica radice all'odio per gli ebrei definito 'antisemitismo'? Possiamo porci una domanda simile in relazione a un fenomeno cosí prolungato nel tempo, cosí vario nelle sue manifestazioni e dai motivi cosí disparati?

2004
Vele
pp. 90
€ 7,00
ISBN 9788806169909
Traduzione di

Il libro

Il complesso e sofferto dibattito sulle relazioni tra ebrei e non ebrei tende spesso a distinguere ciò che viene definito «antisemitismo moderno» da ciò che lo precede, nel mondo antico e nell’età di mezzo. Si riconoscono matrici differenti, di ordine religioso, economico, identitario, ma tutte piú o meno contingenti e legate al momento storico e al luogo geografico esaminato di volta in volta. Molto piú difficile è tracciare un quadro complessivo delle relazioni tra ebrei e «gentili», che trascenda la contingenza storica e delinei un fattore comune in grado di abbracciare duemilacinquecento anni di storia e un ambito geografico che includa l’intero pianeta.
Rivendicando il suo ruolo di scrittore e non di storico professionista, Abraham B. Yehoshua propone la sua personale ipotesi di lavoro, nella speranza che altri raccolgano la scintilla e la elaborino con rigore scientifico. Per Yehoshua, la particolarità degli ebrei nasce dalla coincidenza di religione e identità nazionale e nella tensione che questa coincidenza ingenera, presso gli stessi ebrei e presso i popoli tra i quali gli ebrei si sono trovati a vivere. Tensione che il sionismo, forse, potrebbe risolvere.