Giulio Einaudi editore

L’istruttoria

Oratorio in undici canti
L’istruttoria
Oratorio in undici canti
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli
1967
Collezione di teatro
pp. 257
€ 15,50
ISBN 9788806074432
Traduzione di
Introduzione a cura di

Il libro

L’inferno del maggiore Lager, del Lager per antonomasia, è disegnato nella sua estensione e profondità, le sue istallazioni descritte con rigore catastale, l’iter del detenuto, anzi dello Hüftling, se vogliamo conservare, come titolo d’onore, questa qualifica che ha accompagnato nella morte milioni di innocenti, minuziosamente tracciato, dalla sosta sulla banchina ferroviaria al forno crematorioi il modo con cui questo inventario è pronunciato, quasi se ne cogliesse per la prima volta la consistenza reale, oltrepassa di gran lunga il dato naturalistico, s’impone con la chiarezza conferita da una forza elementare. Ma il passato è solo una delle dimensioni dell’oratorio di Weiss: l’altra, meno avvertibile per la sua stessa mobilità e ambiguità, è quella del presente, del modo in cui quel passato è rivissuto, atteggiato. All’evocazione dei fatti compiuta dagli scampati, corrispondono le interpretazioni, le prese di posizione degli imputati e di molti «testimoni», che depongono a piede libero. Questo aspetto dell’Istruttoria, se anche meno emozionante, ha una forza di rivelazione, anzi di denuncia, stupefacente: reticenza, malafede, menzogna, viltà, cinismo, ottusità, sono caratteri dei despoti, dei boia, dei carcerieri di un tempo; la lezione che si ricava dal loro atteggiamento, certo favorito dall’indulgenza, dall’acquiescenza, quando non dall’appoggio attivo della società in cui oggi vivono, è in un certo senso, forse, piú drammatica di quella derivante dall’evocazione del passato. Non sono parole, quando si dice che Auschwitz continua ancora dentro e intorno a noi.
Giorgio Zampa

Altri libri diPeter Weiss
Altri libri diTeatro