Giulio Einaudi editore

La iena di San Giorgio

Tragedia per marionette
Copertina del libro La iena di San Giorgio di Guido Ceronetti
La iena di San Giorgio
Tragedia per marionette
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Nella mia esistenza di scrittore ho fatto un po' tutto, ma di creare personaggi non ho mai tentato, né voglia né talento avevo per questo. L'unico, di nascita impensata e anomala, tra quattro quinte di quaranta centimetri, barbuto grembiale insanguinato, è Barnaba Caccú»

1994
Collezione di teatro
pp. VII - 59
€ 6,20
ISBN 9788806136093

Il libro

La Iena di San Giorgio fu la prima storia, di tante, messa insieme dal teatro dei Sensibili, che creammo Erica Tedeschi e io, nel 1970, nel pianterreno dove abitavamo ad Albano di Roma. Io davo voce a tutti i personaggi, Erica mi porgeva i fili e cantava nelle pause. Videro La Iena Eugenio Montale, Guido Piovene, Angelo Maria Ripellino, Federico Fellini, Mary McCarthy e non so quanti altri, fino a Cossiga e Spadolini nel 1986. […] Uscita dal nostro teatrino d’appartamento, dove non si potevano che avere dodici-quindici spettatori, tirata fuori dai depositi dell’Opera di Roma sulla Prenestina, La Iena ebbe i suoi giorni di splendore con le recite pubbliche organizzate dal Teatro Stabile di Torino e fece due mesi di repliche. […] Non ci furono, né mai dovrebbero esserci, volgarizzazioni televisive. Uno spettacolo autentico di marionette non s’imbratta o non si nullifica in quella negazione di ogni realtà teatrale e di ogni respiro e grido di poesia. Lontano dalle bestiali telecamere, sorda alle opinioni di quelli che non capiscono, la Marionetta si cala il sipario sugli occhi con dignità e muore.

Guido Ceronetti

Altri libri diGuido Ceronetti
Altri libri diTeatro