Giulio Einaudi editore

Mille anni di piacere

Copertina del libro Mille anni di piacere di Kenji Nakagami
Mille anni di piacere
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Una casta maledetta costretta a vivere nei Vicoli. Una famiglia di uomini bellissimi, sfrenati nei piaceri, sempre in bilico fra l'amore per la vita e l'attrazione per la morte, posseduti da una colpa che ignorano. Una vecchissima levatrice testimone dei loro brevi destini, incarnazione di un dolente fatalismo e di una saggezza ancestrale.

2007
Letture Einaudi
pp. XVIII - 296
€ 17,50
ISBN 9788806147600

Il libro

«Non aveva rimorsi neanche dopo aver ammazzato un uomo, era innocente per il solo fatto di non essere cosciente della sua colpa, era senza peccato persino quando aveva pensato di fare una cosa umanamente inconcepibile, denudare una donna e copulare nel sangue».

Nel suo romanzo-capolavoro Nakagami è riuscito a raccontare uno spazio mitico in cui vagiti e rantoli costituiscono il ritmo brulicante dell’universo.

È l’universalità della miseria quella che Nakagami ci racconta, col suo corollario di fatica, ignoranza e violenza; i suoi Vicoli, come accade sotto ogni cielo negli ambienti più degradati, sono abitati da un’umanità tesa a soddisfare i bisogni primordiali, imprigionata in una dimensione arcaica, in una sacca densa di odori e di umori dove emerge il lato più brutale degli individui. (…) È una vicenda corale quella che zia Oryu ci racconta, in una recitazione cadenzata come la voce dei cantastorie che nel tramandare l’epopea della loro gente trasformano gli uomini in miti, gli eventi in leggenda, i luoghi in simboli. I Vicoli, sospesi al di sopra dello Stagno dei Fiori di Loto in una dimensione che trascende spazio e tempo, diventano così un’utopia di intimità e compassione, un limbo dove tutti sono innocenti, perché ogni vita è parte del divino.

Dalla prefazione di Antonietta Pastore

Altri libri diNarrativa giapponese