Giulio Einaudi editore

Sogni di Bunker Hill

Copertina del libro Sogni di Bunker Hill di John Fante
Sogni di Bunker Hill
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Cosí, 'fanculo Los Angeles, le tue palme, e le tue donne con i culi alti, e le tue strade alla moda, perché io me ne vado a casa, torno in Colorado, torno nella dannata migliore città degli Stati Uniti: Boulder, Colorado».

John Fante

2004
Stile Libero
pp. XXII - 158
€ 11,00
ISBN 9788806168063
Traduzione di
Introduzione a cura di

Il libro

L’ultimo, struggente romanzo di Fante considerato il suo testamento. Sotto le luci miserabili e iperboliche della Mecca del cinema, Arturo Bandini sogna il successo di scrittore mentre con la mano sinistra scrive pessime sceneggiature che non vedranno mai la luce. Potrebbe essere la premessa di una tragedia: ma come sempre, in bocca a Bandini, tutte le tragedie finiscono in commedia – la commedia umana, atea, materialista del desiderio e della speranza e dei sogni di Bunker Hill.
Anche in quest’ultimo capolavoro colpisce l’inconfondibile voce fantiana – un impasto di humour, candore e cattiveria – che ne ha fatto uno scrittore amatissimo dal pubblico anche dei piú giovani che in lui, nel suo alter ego Arturo Bandini, hanno riconosciuto il prototipo di tutti gli sbandati-sognatori che hanno popolato la letteratura, non solo americana, dei nostri anni.

«Di fronte a questo estremo, teso, sarcastico, irriverente, indecente, blasfemo, ironico Sogni di Bunker Hill si ha la certezza di essere di fronte a un grande narratore in cui una vita spesa a scrivere racconti per riviste e sceneggiature per Hollywood produce l’ultimo, accecante, compatto frutto».

Pier Vittorio Tondelli

Altri libri diJohn Fante