Giulio Einaudi editore

I girovaghi

I girovaghi
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Una claustrofobica cittadina industriale cinese, il 21 marzo del 1979. Una cruenta esecuzione capitale capace, anche se per un istante, di risvegliare le coscienze forzatamente assopite e incrudelite della Cina post-Rivoluzione culturale. E l'intreccio, mirabilmente gestito dall'autrice, delle storie di grandi e piccoli protagonisti, alla ricerca di un posto in un mondo che di posto non ne offre affatto. Un ritratto autentico, cupo e struggente di un popolo affamato di vita e libertà a dispetto di ogni circostanza.

2010
L'Arcipelago Einaudi
pp. 402
€ 18,00
ISBN 9788806175313
Traduzione di

Il libro

«Ezra Pound ha affermato che la letteratura è una notizia che rimane sempre fresca. Non c’è definizione migliore di questa per I girovaghi, lo straordinario nuovo romanzo di Yiyun Li. In questo libro, storia e memoria s’incontrano nel modo più crudo e riuscito».
Colum McCann

Il primo giorno di primavera del 1979 non segna un passaggio di stagione come tutti gli altri per Fiume Fangoso, una cittadina industriale nel cuore della Cina: ottantamila abitanti stipati in casette cubiche dalle pareti sottilissime, vicoli sterrati, minuscoli cortili tutti identici fra loro.
A incrociarsi, il mattino del giorno stabilito per l’esecuzione di una «controrivoluzionaria», sono i destini degli ultimi della città: maestro Gu e sua moglie, sfortunati genitori di Shan, la condannata, Tong, il ragazzino di campagna, vecchio Hua e sua moglie, raccoglitori girovaghi di rifiuti e neonate abbandonate; oppure Nini, undicenne deforme dallo sguardo penetrante, e l’imbelle Bashi, con la sua insaziata curiosità verso le ragazzine, o il solitario vecchio Kwen, incattivito come il cane nero che tiene alla catena.
Ma sarà un giorno decisivo anche per chi all’apparenza ha tutto ciò che si possa desiderare, come la bella Kai, annunciatrice del partito e moglie di Han, politico in ascesa. L’esecuzione della «controrivoluzionaria» porterà al pettine i nodi che aggrovigliano gli abitanti di Fiume Fangoso, i quali si ritroveranno dopo quindici giorni nella piazza principale, a testimoniare con un fiore bianco di carta velina la loro silenziosa ribellione. E dalla capitale giunge l’eco di un cambiamento, nel segno del Muro della democrazia…
Attingendo a episodi della sua infanzia e adolescenza, Yiyun Li, con una scrittura precisa e armonica, una compassione trattenuta e un sentito rigore anche nel narrare gli episodi più efferati della quotidianità nella Cina totalitaria, disegna un quadro plumbeo come le acque del fiume che bagna l’anonima città industriale. A tratti, però, in tanta tetraggine si aprono squarci di speranza: protagoniste, perlopiù, sono le donne, tenaci e coraggiose nel tenere alta la voce della vita e della giustizia. E pronte, come Nini, a ripartire girovagando, alla ricerca testarda di uno scorcio di libertà.

Altri libri diYiyun Li
Altri libri diNarrativa cinese