Giulio Einaudi editore

Fuorimondo

Storia di una ragazza di oggi
Fuorimondo
Storia di una ragazza di oggi
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Quello che dà forma alla nostra vita è ciò che piú ci manca. Lo sa bene Dolfi, che riceve ogni giorno una lettera senza parole, lo sa Esmé, la madre eterna, che si consuma in un rituale di appuntamenti mancati, lo sa la fragilissima zia-Lali-dai-polsi-rotti, che vive di seduzione e che forse un giorno morirà di risate. La mancanza che modella la vita di Tamar, ragazza trasparente, è cosí grande da portarla fuorimondo. Con la sua scrittura unica, che sembra nominare ogni cosa per la prima volta, Ornela Vorpsi disegna in questo romanzo le infinite declinazioni della nostra fame, il «fiore carnivoro» che ci divora e non è mai sazio di bellezza, di amore, di assoluto.

2012
L'Arcipelago Einaudi
pp. 168
€ 13,50
ISBN 9788806210151

Il libro

Davanti a casa di Maria c’è una striscia di terra sottile che è fatta per l’attesa. Lí si fermano le ragazze del paese: bussano e aspettano. Vogliono vedere i ragazzi, Luka, Artur, Enea, Johan, vogliono vedere Rudolf soprattutto, il bel Dolfi, che da quando ha smesso di suonare il violino passa il tempo sul divano a guardare la televisione muta, con il sorriso gentile e una tomba aperta nel petto. È per lui che viene Manuela, scialba e malinconica. Tra tutte è la piú costante, quella che dell’attesa non si stanca. Dalla casa accanto, Tamar invece semplicemente guarda. Il destino le ha assegnato il ruolo di spettatrice, di chi assiste alla vita senza mai farne parte davvero. Finché un giorno, in quella terra dello smarrimento davanti a casa di Maria, compare il corpo senza vita di Manuela. Un’altra «giovane morte» dopo quella del piccolo Rafi, il bambino prodigio, che se n’è andato lasciando a Tamar un brivido carico di presagi. Attorno a queste due assenze, buchi neri nei quali precipita la vita di una comunità intera, si muovono personaggi da sogno o da incubo, figure struggenti colte in un presente che è insieme condensazione di una storia e prefigurazione di un destino: come Esmé, la madre senza grembo, che si rifugia nell’amore impossibile di chi non c’è piú e si nega a chi invece la vuole con forza; zia Lali, che conosce l’arte di dire grazie; Nikolin, il calzolaio che conta le scarpe; e poi Dolfi con la sua bellezza succulenta, e naturalmente Tamar. È sua la voce che cuce i fili della vicenda, lo sguardo spaesato che rifiuta l’ovvietà e mette in questione ogni cosa, che dichiara e ritratta, rivela e nasconde. Ed è proprio grazie a queste smagliature nel tessuto della narrazione, grazie alla sfocatura perfettamente incarnata dalla scrittura straniante e poetica di Ornela Vorpsi, che Tamar ci costringe a dubitare dei confini che separano normalità e follia, colpa e innocenza, desiderio e rinuncia. In perfetto equilibrio tra gioia di vivere e dolore, Fuorimondo torna ad affrontare i temi cari all’autrice, ma ne esplora il lato piú metafisico. Il ritratto di un universo abitato da fantasmi in carne e ossa, ognuno proiettato verso il suo personalissimo altrove, mentre su tutti incombe il fascino dell’altrove per definizione: perché forse andarsene per sempre, vivere solo nella memoria o nel rimorso di chi resta, è la forma piú potente di esistenza.

Altri libri diOrnela Vorpsi
Altri libri diAltre narrative