Giulio Einaudi editore

L’educazione delle fanciulle

Dialogo tra due signorine perbene
L’educazione delle fanciulle
Dialogo tra due signorine perbene
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Due voci diverse e perfettamente intonate dialogano in modo comico, ironico e universale sulle donne, gli uomini e l'amore.

2011
eBook
pp. 112
€ 6,99
ISBN 9788858405239

Il libro

I primi libri, i primi tacchi alti, il primo bacio.
I secondi libri, le centesime scarpe e i millesimi baci.
L’approccio femminile alla vita a tutte le età.
Un inventario dei comportamenti tipici di maschi e femmine di fronte all’amore, dagli anni Trenta a oggi.
Un dialogo in cui si parla di tutto. Cucina ed eleganza, economia domestica e chirurgia estetica. Coppia, figli, sesso e lavoro.
Della noia e della gioia di vivere da donne.

– Cara Luciana, l’obiettivo primo della fantasia femminile è l’amore. La ragazza di oggi magari fantastica, ma su dati reali; quella di ieri, fantasticava veramente.
– Vedi, Franca, anche noi fantasticavamo, ma prima dovevi verificare se il Principe era azzurro o se tendeva al verde rospo. Bisogna baciarne un sacco per trovare quello che non ti allappa la lingua come i cachi acerbi.

***

«La Valeri possiede un sarcasmo composto, un’ironia pudica ma affilata che le è servita a interpretare personaggi femminili, all’apparenza semplici, che raccontavano la vera storia delle donne. La Littizzetto è un Lucignolo spudorato. Una militante irresistibile della malevolenza. Ma tutte e due portano addosso lo stesso coraggio scenico e umano».

Stella Pende, «Donna Moderna»

***

«Due signorine per bene che più diverse di così non si potrebbe – l’una aristocratica e snobissima, tagliente e perfetta per un tè tra amiche; l’altra piccola, scomposta ed anarchica, capace di mettere i piedi sulla tavola anche al ricevimento di un re – hanno deciso di scambiarsi commenti sarcastici e irriverenti sulle donne di tutte le età, dall’infanzia alla vecchiaia, dal primo bacio alla nonnità, dai tacchi alti alla chirurgia estetica, dagli uomi agli uomini (…). Né romanzo né saggio, solo un dialogo tra due donne speciali che pare tutto un gossip e invece è un bel trattatello sul mutamento dei costumi, dagli anni Trenta ad oggi. Con una verve e una crudeltà spiazzante, che spinge chi legge a ridere e poi a riflettere su cose di gran serietà».

Santa Di Salvo, «Il Mattino»