Giulio Einaudi editore

Le parole la notte

Copertina del libro Le parole la notte di Francesco Biamonti
Le parole la notte
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Uno sparo nella notte, la bellezza malinconica di Veronique e il sordo soffrire della gente che cerca rifugio in un'Europa immaginaria.
Nel suo ultimo libro Francesco Biamonti dipinge la nostra civiltà come una conversazione sospesa sull'abisso.

1998
Supercoralli
pp. 202
€ 13,43
ISBN 9788806141882

Il libro

Nelle terre di confine tra Liguria e Francia, un gruppo di personaggi si incontra nelle case, lungo i sentieri delle colline, sulle strade vicino al mare. Nel fitto intreccio delle loro parole – come incantate dalla presenza di Veronique, che con la sua malinconica bellezza è il centro di tutto – prende corpo il senso profondo di una civiltà che sembra svanire nell’immagine degli oggetti, degli alberi, dei colori, in un ricordo di guerre combattute con dolore ma come in sogno. Una conversazione sospesa sull’abisso. Nell’oscurità della notte si agita un mondo clandestino regolato da leggi della violenza e dello sfruttamento: l’universo dei disperati che irrompe in Occidente come un’onda inarrestabile. Di quel passaggio si possono cogliere tracce minacciose: spari, rumori tra gli alberi, un cadavere ritrovato la mattina. Alla fine quei personaggi notturni si incarnano nelle figure di un curdo e di una ragazza che non conoscono alcuna lingua europea. Verranno accolti e protetti, ma il loro destino è segnato. Sullo sfondo di un paesaggio cosí concreto da sembrare fantastico, il romanzo di Biamonti è scandito da un febbrile rincorrersi di domande. Quello che ci racconta è un dramma che è ben lontano dal concludersi, e incombe su tutti.

Altri libri diFrancesco Biamonti