Giulio Einaudi editore

La macchina del vento

La macchina del vento
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«La guerra non la pagherà solo il regime: la pagherà l'Italia, e noi erediteremo le macerie. Però noi vediamo l'occasione di ricostruire! Invece là, - puntò il bastone in direzione del continente, - la maggior parte della gente ancora sonnecchia, intorpidita dal fascismo. Qui a Ventotene vediamo il futuro, mentre nel resto d'Italia non ne hanno la minima idea! E allora chi sono gli isolati? Chi sono i veri prigionieri del loro tempo

2019
Stile Libero Big
pp. 344
€ 18,50
ISBN 9788806240806

Il libro

Isola di Ventotene, colonia di confino degli antifascisti, 1939. Erminio è un giovane socialista, ex studente di Lettere a Bologna. Voleva fare la tesi sui mari d’Italia nei miti greci e adesso, ironia della sorte, è segregato su uno scoglio nel Tirreno, di fronte alla dimora della maga Circe, dove rischia di impazzire. Per non cedere, Erminio guarda all’esempio di un compagno piú anziano, un uomo carismatico e tenace, da dieci anni prigioniero del regime. Si chiama Sandro Pertini. Una mattina d’autunno, dal piroscafo Regina Elena sbarca in catene Giacomo, un nuovo confinato. È un fisico romano e ha un segreto. Anzi, piú di uno. Mentre l’Italia entra in guerra e la guerra travolge l’Italia, le stranezze di Giacomo e i misteri sul suo conto influenzano Erminio, innescando una reazione a catena e trasformando l’isola in un crocevia di epoche e mondi. Perché a Ventotene ci sono anarchici, utopisti, futuri partigiani, costituenti, pionieri dell’Europa unita… Ma c’è chi sogna ancor piú in grande di loro.

IN QUESTO ROMANZO INCONTRERETE:

 

Il conte de Alcántara. Parla di rado, ma ascolta tutto. Sarà mica una trombetta?

Berengari Adone. «Ammalato!» Il bastone caduceo. Lo adornano due serpenti vivi: guarda come si contorcono, senti come sibilano… Ti risveglierai… quando lo dirò io.

I fratelli Chiaramantesi. I militi piú odiati di Ventotene. Ma non erano morti?

Circe. Ti guarda, e da Ventotene non puoi non vederla.

L’Esprit de l’Escalier. Lo spirito che piú si aggira per le vie di Ventotene. Occhio, ché non tutte le scale sono innocue.

Ettore. Dov’è finito? Anzi: quando?

Eugenio. Il Viminale lo ha mostrato come trofeo di caccia: eccolo, l’infido ebreo. Bisogna vigilare sulle scuole!

I manciuriani. Perché li chiamano cosí? Adesso te lo dico.

Orfeo. Era la «grande speranza rossa» contro l’onda nera, ma poi è rimasto vedovo e…

Pasta-e-fagioli. In tanti hanno cercato di ammazzarlo. Ne è sempre uscito incolume, ma prima o poi gli tocca.

Pietrone. Leggendario compagno. Tutti lo ringraziano.

Pirra e Deucalione. Si riparte da loro.

Le Tremiti. Il temuto e favoleggiato ultimo girone. Chiedete a chi ci è stato.

Ulisse. È bloccato sull’isola, ma ha grandi progetti.

H. G. Wells. Galeotto fu il libro e chi lo lesse.