Giulio Einaudi editore

Eccetera

Copertina del libro Eccetera di Emilio Tadini
Eccetera
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

«Potrei aggiungere eccetera. Del resto non è mica brutta, come parola, se ci pensi. Vuol dire che sei abbastanza modesto da ammettere che ce la fai solo fino a un certo punto ma anche abbastanza sveglio da capire che il mondo è un bel po' più grande di te, da capire insomma che devono esserci almeno un altro paio di Americhe piú tre o quattro Cine. Bellissime, dietro l'angolo»

2002
Supercoralli
pp. 334
€ 17,00
ISBN 9788806164010

Il libro

Quattro ragazzi si trovano per caso insieme su una vecchia auto scassata in giro per le discoteche della Lombardia. Alla guida è Toro Seduto, un gigante violento e pochissimo speculativo; al suo fianco la sua ragazza, Donna del Mare, bella e intellettualmente vivace, appassionata di immersioni subacquee; dietro: Filo di Voce, bruttina, svenevole e sentimentale, e Mario, il narratore e inventore dei soprannomi degli altri, spaccone a parole ma pavido, arrabbiato con tutti ma profondamente confuso. Nel loro girovagare alla ricerca di qualcosa che non sanno, incontrano molte persone e molte storie, molti segnali di vita e di morte. Si farà strada in loro la coscienza oscura dei propri limiti e quella, ancora più oscura, dell’illimitatezza del mondo. E insieme a questo, un sinistro, macabro presagio di un’alterità definitiva e senza scampo, incombente, che i protagonisti cercano con qualche imbarazzo di ignorare.
Forse piú che nei suoi romanzi precedenti, Tadini si muove a suo perfetto agio con l’alto e il basso, con il comico e il tragico, l’iperrealistico e il metafisico. Unico registro escluso, se non come parodia, il patetico, teorizzato come iattura dei nostri tempi.
Per questa particolare concentrazione di stili lo scrittore ha messo a punto una lingua artificiale e bellissima, come le luci della discoteca Light Night, dove la storia si conclude fra le parole paradossali di uno strano predicatore. Parabola anche politica di un potere sulle masse dominato da personaggi luciferini più furbi che folli.

Altri libri diEmilio Tadini