Giulio Einaudi editore

Alfabeto Poli

Alfabeto Poli
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un atipico «romanzo parlato», un viaggio lungo cinquant'anni di ricordi e racconti. Dallo scimmiotto peloso con cui andare a letto dopo aver visto King Kong («e da lí poi ho continuato») ai controsensi della dittatura («eravamo certissimi di fare la guerra per la causa della pace, che sarebbe come fare l'amore per la causa della verginità»), non c'è un anfratto del Novecento che sfugga alle intemperanze di Paolo Poli. Allergico ai bacchettoni e ai benpensanti, armato di una comicità sovversiva, da sempre fidanzato con i libri, il suo è l'alfabeto di chi, ridendo, non ha mai avuto paura di stare al mondo.

2013
Supercoralli
pp. 176
€ 18,00
ISBN 9788806216092
A cura di

Il libro

«Sono partito col piede sinistro fin dalla piú tenera età».

«Finché il cuore sanguina, è ancora vivo».
«Non sono poi cosí omosessuale da amare me stesso».
«Nella vita di prime volte ce ne sono venti, trenta. Ho raccontato di essere vergine per almeno una ventina d’anni».
Sin dagli esordi Paolo Poli ha guardato il mondo con lo scarto fantasmagorico di chi sa che per restituire lo spirito delle cose, per disinnescare censure e conformismo, c’è bisogno di ridere e di far ridere.
Rileggendo mezzo secolo di interviste (cartacee, radiofoniche e televisive – molte disperse, quasi introvabili), Luca Scarlini ha costruito un sillabario poetico e brillante: una sarabanda di racconti spericolati e divagazioni fulminanti, un «Alfabeto Poli» da decrittare seguendo il filo dell’ironia.
La folgore del ricordo a tratti prende la forma esatta di un aforisma, altre volte invece si dispiega in pagine intense, analitiche e narrative, lasciando spazio alla riflessione e alla sensibilità di un artista cosí grande da non essersi preso mai troppo sul serio. Sullo sfondo di un’Italia colta nei suoi aspetti meno prevedibili, sfila una galleria di personaggi indimenticabili, da Longhi a Parise, da Franca Valeri a Pasolini. Dalla A di AGGETTIVI, ANNI TRENTA, AVANSPETTACOLO alla Z di ZEFFIRELLI (passando per CANZONETTA, DIO, ETÀ, FASCISMO, MISOGINIA, PECCATO, PINOCCHIO, RITA DA CASCIA…), il genio radente di Paolo Poli procede spigliato, non senza qualche lampo di malinconia, sino a fondare in qualche modo un’etica della leggerezza. Non c’è niente di piú sincero, in fondo, di un libro scritto vivendo.