Giulio Einaudi editore

Margini della filosofia

della filosofia
Copertina del libro Margini della filosofia di Jacques Derrida
Margini della filosofia
della filosofia
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

In questa antologia di scritti e conferenze, che risalgono al periodo dal 1968 al 1971, Derrida si concentra sul problema dei limiti della speculazione filosofica, problema da sempre "interno" alla filosofia, che si è costantemente interrogata sulla sua portata e ragion d'essere. Ma allo stesso tempo - ed è il punto centrale del dicorso di Derrida - la filosofia ha sempre pensato al suo altro e quindi al significato stesso del confine e del confinarsi.

1997
Biblioteca Einaudi
pp. VIII - 424
€ 26,00
ISBN 9788806122386
A cura di
Traduzione di

Il libro

Margini, una delle piú importanti opere di Jacques Derrida, costituisce il testo piú ricco e completo per documentare la filosofia del suo autore. Articolata in una serie di saggi già apparsi fra il 1967 e il 1971, con l’eccezione di due inediti, l’opera chiude il primo, e piú creativo, ciclo della riflessione derridiana. Oltre all’esame di alcune questioni fondamentali – come la natura dello spazio e del tempo, il significato della filosofia di Hegel in generale e della semiologia hegeliana in particolare, il problema dell’umanesimo e della «fine» della metafisica -, Margini affronta una rilettura della storia della filosofia: accanto a Husserl e Heidegger, sono Aristotele, Kant, Hegel ad essere oggetto di un’analisi serrata e rigorosa non meno che originale. Fra gli altri temi trattati, la linguistica e la sua storia, la scrittura, la fenomenologia, che costituiscono altrettanti aspetti centrali della riflessione del filosofo.

Altri libri diJacques Derrida