Giulio Einaudi editore

Il non-so-che e il quasi-niente

Il non-so-che e il quasi-niente
estratto
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Quando, alla fine degli anni Cinquanta, in una temperie storica ancora segnata dai terribili postumi della guerra, Vladimir Jankélévitch dette alle stampe Le Je-ne-sais-quoi et le Presque-rien, non furono in molti a cogliere la straordinaria forza d'impatto di un testo volutamente inattuale, perché diversamente orientato rispetto alle coordinate consolidate della riflessione filosofica.

2011
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XXXII - 476
€ 28,00
ISBN 9788806206703
Traduzione di
Introduzione a cura di

Il libro

In un momento in cui gli astri di Hegel, Husserl e Heidegger rifulgevano nel firmamento della filosofia europea, Jankélévitch apriva un varco, inatteso e profondo, verso un altro orizzonte di pensiero. Nozioni apparentemente fuori del tempo come quelle di «grazia», «innocenza», «semplicità », o riferimenti desueti a Plotino, Juan de la Cruz, Gracián o Brémond, restituiscono solo in parte la direzione di questo sguardo sagittale che taglia, con effetti ancora non del tutto sondati, il campo del sapere contemporaneo. Lontano dalle ultime filosofie della storia o dai nuovi gerghi dell’autenticità che in quella stagione ancora tenevano il campo, Jankélévitch cerca nel flusso dell’esperienza vivente il significato, e anche il mistero impalpabile, di un’esistenza esposta all’assoluta assenza di fondamenti, ma proprio perciò fermamente tenuta a un agire tanto piú responsabile e vigile.