Giulio Einaudi editore

Ritorno alla critica

Copertina del libro Ritorno alla critica di Cesare Segre
Ritorno alla critica
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

"Ritorno alla critica è un titolo simmetrico a Notizie dalla crisi. In quel libro del 1993 m'interrogavo sulla crisi delle attività speculative e, al suo interno, sulla "crisi anomala" della critica: una crisi non prodotta dall'esaurimento o dal discredito caduto sui metodi, ma da un arresto nell'elaborazione dei metodi stessi e da una specie di disamoramento [...] Sono passati sette anni, e la stagnazione continua [...] Mi sono deciso ora, dopo che in un libro di carattere narrativo ho almeno palesato riflessioni e timori sulla nostra vita nazionale e culturale e sull'attività cui ho dedicato il mio impegno. A questo punto il ritorno alla critica può avvenire senza illusioni, in una smagata offerta a lettori sintonizzati anche umanamente. Qualcuno c'è".

2015
eBook
pp. 296
€ 9,99
ISBN 9788858421048

Il libro

Otto anni dopo Notizie dalla crisi, Cesare Segre torna a pubblicare un volume di saggi letterari. Quella specie di disamoramento per le elaborazioni metodologiche del lavoro critico, che veniva denunciato nel libro precedente, persiste tuttora negli ambienti accademici e non. Tuttavia, e fortunatamente, Segre riprende il filo del discorso interrotto. Con meno implicazioni teoriche (che comunque non mancano) ma con la consueta passione per ogni – anche piccolo – risultato nella comprensione di un testo. Una passione culturale che è nello stesso tempo etica e politica. E non è un caso che il libro parta proprio da una serie di saggi su Kafka, Levi e Gadda centrati sul rapporto fra scrittura e potere. La tensione etica dei saggi di Segre passa sempre da un’idea di verità concentrata o nascosta nelle cose. E il fatto che spesso questa verità non sia pienamente raggiungibile, o che possa mutare nel tempo, non toglie nulla all’obbligo di ricercarla. Questa ricerca si avverte nelle singole letture critiche, ma anche nei saggi piú generali: in quello, per esempio, sull’ermeneutica, in cui si accenna ai danni dell’interpretazione slegata dalla filologia, o in quello sul concetto di canone, a cui viene restituito uno statuto oggettivo oggi assai poco di moda.

Altri libri diCesare Segre