Giulio Einaudi editore

I segni e la critica

Fra strutturalismo e semiologia
Copertina del libro I segni e la critica di Cesare Segre
I segni e la critica
Fra strutturalismo e semiologia
indice
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Uscito nel 1969 nei Paperbacks, I segni e la critica è il primo libro einaudiano di Segre. Questo volume fu un evento di grande rilievo nella critica italiana perché, insieme a pochi altri libri di quel periodo, pose le basi di un fertile rinnovamento metodologico.

2008
Piccola Biblioteca Einaudi Ns
pp. XLII - 302
€ 19,00
ISBN 9788806192037

Il libro

Uscito nel 1969 nei Paperbacks, I segni e la critica è il primo libro einaudiano di Segre. Ma, oltre a inaugurare una lunga e felice collaborazione editoriale tra lo studioso e l’Einaudi, questo volume fu un evento di grande rilievo nella critica italiana perché, insieme a pochi altri libri di quel periodo, pose le basi di un fertile rinnovamento metodologico. I quattro saggi teorici che aprono il volume stabilivano come mettere a punto un modello critico funzionale a partire da quell’universo di segni che ogni studioso di testi (non solo letterari) si trova ad analizzare. I saggi successivi, prendendo in esame alcuni grandi autori del Novecento, da Machado a Montale, da Sklovskij a Gombrowicz, da Pizzuto a García Márquez, sondavano e verificavano l’efficacia del nuovo approccio. Oggi, nella riproposta di questo libro, Segre vi aggiunge un ampio saggio introduttivo che ripercorre il clima culturale in cui nacquero lo strutturalismo e la semiotica, analizza le vie per le quali penetrarono in Italia, riepiloga le contiguità e le opposizioni rispetto ad altre tendenze critiche. Tutto questo a partire dalla propria autobiografia intellettuale, mettendosi in gioco e tracciando un bilancio a distanza di tanti anni.

Con una nuova introduzione.

Altri libri diCesare Segre