Giulio Einaudi editore

L’esperienza dell’architettura

L’esperienza dell’architettura
Mondadori Store Amazon IBS La Feltrinelli

Un volume che invita a vivere in modo creativo gli spazi architettonici che ci circondano

2016
Saggi
pp. 288
€ 42,00
ISBN 9788806231323

Il libro

L’architettura non è semplicemente qualcosa che guardiamo da lontano o di cui ci serviamo per necessità pratiche, ma il catalizzatore della nostra autentica esistenza di esseri viventi che agiscono in armonia con il mondo. Dalle scale scavate a mano nei villaggi greci alle passerelle lasciate libere di fluttuare, dalla funzione dei paraventi giapponesi al senso di libertà che caratterizza le piazze italiane, dalla magistrale manipolazione delle forme di Frank Lloyd Wright alle mutazioni poetiche di Carlo Scarpa, ogni volta abbiamo a che fare con esperienze molto diverse, di passaggio da un livello a quello successivo, ognuna delle quali influenza la nostra esperienza dello spazio. Integrando sapientemente testo e immagine, ogni capitolo si concentra su un aspetto diverso delle nostre interazioni quotidiane con l’architettura, prendendo in considerazione scale, pavimenti, percorsi, spazi interni, percezione e prospettiva, e il rapporto tra un edificio e l’ambiente che lo circonda. Un volume che in un originale confronto con poeti, filosofi e psicoanalisti ripensa le basi e la storia dell’architettura, rivolgendosi non solo agli specialisti impegnati nell’ideazione di nuovi spazi, ma soprattutto a quanti cercano di comprendere meglio il loro posto nel mondo per come è stato e viene costruito dagli uomini.

«Quello che propongo nelle pagine a venire è una riconsiderazione dell’architettura dal punto di vista dell’azione spontanea. Queste operazioni basilari comprendono operazioni che vanno ad agire sulla forma del terreno, manipolazioni di elementi cinetici, interpretazioni di volumi multiformi, esplorazioni di profondità spaziali sconosciute e la libertà spaziale di un campo d’azione. Questi temi costituiscono i cinque capitoli del libro, ognuno dei quali esplora un tipo diverso di azione umana che, indipendentemente dall’apparente modestia, produce un vero e proprio miracolo – perché ne scaturisce qualcosa di nuovo, nuovo di per sé e nuovo nel mondo. Lo scopo piú generale di questo libro è giungere a una migliore comprensione del modo in cui l’individuo interagisce con lo spazio e riconsiderare l’architettura come il campo della deliberazione umana, un insieme di possibilità che gli esseri umani possono saggiare ed esplorare, liberamente e con grande vitalità. A questo riguardo, vorrei mettere in discussione le concezioni tradizionali dell’architettura come oggetto utile o estetico e sostenere che dovrebbe essere considerata uno strumento di potere le cui possibilità, se presenti, escludono la semplice contemplazione visiva o la mera fruizione».

Altri libri diArchitettura