Orhan Pamuk

«Il museo dell'innocenza»


Condividi

Il Museo dell'innocenza è il primo romanzo di Orhan Pamuk dopo il Premio Nobel ricevuto nel 2006. Al centro del libro la fortissima passione tra Kemal e Füsun, nata nella Turchia degli anni Settanta e destinata a violare le leggi morali del paese. Sullo sfondo ancora una volta Istanbul, la città di Pamuk in cui lo scrittore ha ambientato alcuni dei suoi romanzi più amati, da Il mio nome è rosso a Il libro nero. Della capitale turca questa volta Pamuk ci mostra una borghesia sospesa tra i richiami della modernità e i vincoli della tradizione, negli anni Settanta come oggi.

Intervistato da Marco Ansaldo su Repubblica, che a Pamuk ha dedicato la copertina di cultura del 3 ottobre, lo scrittore turco ha parlato del suo nuovo romanzo e del progetto legato al libro, un museo che raccolga gli oggetti che compaiono nella storia di Kemal e Füsun:
«Ho passato l'estate a Istanbul, a casa, a lavorare alla costruzione del Museo dell'innocenza, una casa-museo che porta il titolo del mio nuovo romanzo e che raccoglie tutti gli oggetti descritti nel libro. Gli oggetti di un amore innocente, come quello sbocciato fra i due protagonisti».

A proposito dell'intreccio tra stesura del romanzo e allestimento del museo, Pamuk ha spiegato:
«Quando la storia era pronta, allora ho cercato le cose. Ma ad esempio non ho mai scritto dei vestiti di Füsun, fino a quando non ho trovato abiti di quegli anni che davvero corrispondessero alla donna amata da Kemal. Quindi vedevo gli oggetti, e poi inventavo il capitolo. C'è stata una fase in cui mi sono comportato come un normale narratore che scrive la sua storia. E poi altri momenti in cui pensavo agli oggetti, e li cercavo ovunque per metterli nel libro. E nel museo. È stato un obiettivo doppio che mi sono autopimposto, piuttosto sfibrante». [clicca qui per leggere l'intervista completa pubblicata su Repubblica]

E sulla possibilità di un film tratto dal suo nuovo romanzo, Pamuk rivela:
«Per la prima volta forse non sarei contrario. E poi qui c'è già tutto pronto, nella casa dell'innocenza, la casa di Füsun».


Orhan Pamuk sarà in Italia nei prossimi giorni per presentare il suo nuovo romanzo. Lo scrittore turco trascorrerà infatti qualche giorno a Milano dove incontrerà i suoi lettori in tre occasioni.

Il primo appuntamento sarà giovedì 8 ottobre alle ore 18.00, quando Pamuk presenterà Il Museo dell'innocenza al Teatro Franco Parenti di Milano. All'incontro parteciperà lo scrittore Alessandro Piperno.

Sabato 10 ottobre, in mattinata, Pamuk sarà al Museo Bagatti Valsecchi insieme a Marco Ansaldo e Riccardo Bini, che leggerà alcuni passi tratti dal Museo dell'innocenza. In occasione della sua ultima visita al Museo, nel 2007, Pamuk scriveva sul libro degli ospiti illustri: «È la terza volta che visito questo straordinario museo. Amo questa casa, l'idea e la fantasia che si celano dietro queste mura; mi hanno influenzato molto per il romanzo che sto scrivendo: Il Museo dell'innocenza».

Ultimo appuntamento sabato 10 ottobre, nel pomeriggio, alla libreria Feltrinelli di piazza Piemonte, dove Pamuk firmerà le copie del suo nuovo romanzo.

 
ARCHIVIO