Copertina

Vittorio Bongiorno


Il Duka in Sicilia


2011
Stile libero Big
pp. 220
€ 17,00
ISBN 9788806203405

È l'estate caldissima del 1970.
In un dimenticato paesino della Sicilia tutti organizzano la festa per il santo patrono. E aspettano ansiosi l'arrivo di Duke Ellington. Si dice che suonerà il piano in onore del santo «negro». Che cambierà le sorti del paese, e le vite di tutti. Che trasformerà la festa in leggenda.

Un romanzo corale e giocoso, dal ritmo trascinante.
La scoperta di un moderno cantastorie.

Il libro

«Dice che il suo colore preferito è il blu, e che è molto superstizioso, perciò quando arriva non vi mettete a fare cose strane, tanto starà poco e se ne andrà da dov'è venuto.
E poi dovete sapere che è un grandissimo minchiazzère. Un contapalle di primissima qualità, un campione mondiale, sia con le donne, che con il pubblico dei concerti. I love you madly, ve l'ho detto.
Questo è tutto quello che dovete sapere del Duka».

A Jato, sperduto paese siciliano, all'indomani di Woodstock, i fratelli Scotti si odiano per colpa di una donna, Maddalena.
Pino sogna di fare un gran vino, Rosario è tornato in Sicilia per monetizzare la sua eredità, dopo una vita avventurosa da musicista giramondo col nome d'arte di Roy Scott. In paese padre Rocché, il sindaco Sciortino e gli altri abitanti stanno preparando il Festino di San Calò, il santo «negro». La chiesetta è diroccata e la curia ha deciso di chiuderla e trasferire il parroco.
Ma Miranda, sedicente impresario discografico, promette di salvarla organizzando un Festino come non se ne sono mai visti. L'ospite d'onore sarà nientemeno che Duke Ellington.
Mentre fervono i preparativi, tra amori clandestini, conflitti tra fratelli e inseguimenti della mafia, Rosario insegna a un gruppo di musicanti cos'è il jazz e mette su una scalcinata band.
Tutti aspettano impazienti che il Duka sbarchi in Sicilia.
Perché, anche se non è un santo, è il dio del jazz. E può fare miracoli.
Con un'irresistibile cadenza siciliana, Bongiorno ci fa ridere e piangere, ci stupisce e ci avvince, e suona con passione ogni nota, come in una perfetta partitura.

***

«Di miti siamo ricchi, di mitologia anche ma quando un siciliano come Vittorio Bongiorno (...) decide di recuperare un mito come Duke Ellington e di portarlo nella sua Sicilia, allora alla leggenda si unisce l'umana fantasia, la bellezza di sapere che le favole possono diventare realtà e che la realtà tante volte è migliore di tante fantasie».

Marco Ranaldi, «Alias»

Commenti

bat 08/07/2011 15:00

Grande Vittorio, ho atteso con impazienza l'uscita di questo libro!! baci


Ci sono 1 commenti per questo libro 1
scrivi il tuo commento
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG