Copertina

Marcello Fois


L'importanza dei luoghi comuni


2013
L'Arcipelago Einaudi
pp. 152
€ 12,50
ISBN 9788806216498

I luoghi comuni sono il centro del nostro mondo: le frasi e gli spazi condivisi. Perché «dentro queste case che siamo, resta il peso di ciò che abbiamo detto ma anche di ciò che non abbiamo osato dire. Le parole di troppo e quelle mai pronunciate...»
Lo sanno bene Alessandra e Marinella, gemelle diversissime, quando si ritrovano, dopo tanti anni, nella casa del padre che le ha abbandonate da piccole. E appena aprono quella porta, appena muovono i primi passi in quelle poche stanze deserte, danno inizio a una guerra di parole in un grandioso crescendo di dolcezza e crudeltà.
Un libro pieno d'intelligenza, in cui ogni frase ha un peso e ogni colpo di scena un senso profondo su cui non si smette d'interrogarsi fino alla fine.

Altre edizioni: L'importanza dei luoghi comuni. 2015. Super ET
L'importanza dei luoghi comuni. 2013. eBook

Il libro

«Le donne si fissano giocando al massacro silenzioso di stare a vedere chi per prima abbassa gli occhi».

Esiste un punto, «certo difficile da trovare, ma che vale la pena cercare», in cui convergono le ipotesi piú inconciliabili. È lí che - secondo quella che la fisica teorica chiama «teoria generale del Tutto» - risiederebbe la spiegazione dell'universo.
Per Alessandra e Marinella, gemelle di quarantotto anni cui cui la vita ha riservato strade molto diverse, quel luogo è la casa del padre che le ha abbandonate quando ne avevano otto. Ora che è morto si ritrovano entrambe lí, tra quelle pareti che lasciano filtrare ricordi e rancori, e che a tratti sembrano contenere un mondo ben piú vasto. Per le sorelle quella vicinanza forzata si rivelerà una tortura con il sorriso sulle labbra, una resa dei conti dagli esiti davvero imprevedibili.
Due ritratti di donne memorabili che, nel corso della lotta senza quartiere che è il cuore della storia, trascineranno il lettore giú, sempre piú giú, fino al buco nero in cui, forse, si trova la spiegazione di tutto.
Un racconto intimo, estremo, comico e tragico, perché sempre - proprio sempre - attento alla vita. E per seguirla in tutti i suoi rivoli, alterna parti al presente, di pura azione, e parti al passato, che sono la nicchia che sa scavarsi il pensiero a modo suo. In quella nicchia una specie di coro greco umanissimo e infragilito commenta la storia, entra nella testa dei personaggi usando le parole di chi sa tutto e non sa niente: la voce traballa, è fallibile, emozionata, compromessa, e per questo tanto piú capace di restituire la complessità delle vicende umane e la contradditorietà degli individui.

Commenti

Non ci sono ancora commenti per questo titolo. Se vuoi, inserisci tu il primo.

scrivi il tuo commento
 
Condividi

SEGNALA A UN AMICO
PARLA DEL LIBRO NEL TUO BLOG